ANDREA FORNARO IN ATLANTICO 2017 | MINI TRANSAT 2.0

MINI FASTNET - Faster than ever

Si è conclusa giovedì 22 giugno in Bretagna, la 32ma edizione del Mini Fastnet, regata storica del circuito Mini 650 in Atlantico. Il percorso è tradizionalmente un giro di oltre 600 miglia che partendo da Douarnenez prevede l'uscita dalla baia, la traversata della Manica, il passaggio a Wolf Rock (punta occidentale della Cornovaglia), la traversata del Mar Celtico fino al mitico scoglio del Fastnet che si trova all'estremo Sud dell'Irlanda. Un percorso importante, con diverse problematiche legate soprattutto al traffico marino - le cosiddette zone vietate (DST) di cui tener conto - e alle correnti di marea. Una grande prova per tutti i navigatori impegnati: quest'anno 62 le imbarcazioni in gara, 26 in classe proto e 36 nei serie.

Andrea ha partecipato a questa edizione, sempre in coppia con Oliver Bravo de Laguna, come unico concorrente italiano in classe Proto, conquistando sul suo Sideral 931 un buon 5° posto. Regata velocissima, chiusa in soli 3 giorni 15h 8m e 29s di navigazione. Tra gli altri italiani, ottima prestazione di Beccaria/Riva su "Alla Grande - Ambeco" 539 con un 8° posto in classe Serie.

Ecco il racconto di Andrea:

"Il Mini Fastnet è iniziato sabato 17 giugno con il prologo nella Baia di Douarnenez, che per me ha rappresentato un po’ un revival della partenza della Mini Transat 2015 ed è stata una bella emozione. Siamo partiti con una fantastica giornata di sole e di vento e ci siamo divertiti a fare questi bordi come se il nostro Mini, questa barca così impegnativa fatta per l’Oceano Atlantico, fosse una deriva. La domenica alle ore 15 è iniziata la regata vera e propria: siamo partiti bene, abbiamo girato la prima boa abbastanza avanti poi abbiamo messo la prua verso Nord. Con un bel vento teso e facendo diversi cambi di vele abbiamo proceduto sempre nella flotta di testa, lottando vicino agli altri proto. Siamo arrivati il giorno dopo in Inghilterra e abbiamo approcciato Wolf Rock, che è sempre entusiasmante. Poi ancora un tratto difficile per attraversare la zona di traffico delle navi e da lì siamo passati dal Code0 allo Spi per fare una bella poppa fino al Fastnet Rock. Il vento è aumentato progressivamente e abbiamo girato la mitica roccia in modo molto veloce – un saluto volante, diciamo! – da lì ammainato lo spi è iniziata la bolina verso la Francia; 4-5 ore di vento forte e mare grosso con onde ripide (erano comunque previste). La barca ha retto molto bene, nonostante lo stress a cui è stata sottoposta e di questo sono molto contento. Nella notte un bel rimescolamento, finché è venuto un vento teso sulle altre mura che ci ha permesso di arrivare dritti fino alla baia di Douarnenez. Alle 5 di mattina abbiamo tagliato il traguardo al 5° posto. Lo ritengo un risultato molto buono su una flotta di 26 barche, soprattutto considerando che il livello in Francia è molto alto. Abbiamo avuto buoni spunti di velocità che sono promettenti in previsione della lunga navigazione che mi aspetta in autunno. È stata una festa della vela molto bella: barche ben preparate, che sono sempre uno stimolo a migliorare, e organizzazione accogliente. Un piacere, come sempre, far parte di questo evento. Ora la barca andrà a La Rochelle e inizierò a prepararmi logisticamente e mentalmente per ripetere a inizio ottobre questo grande evento che sarà la Mini Transat 2017".

Andrea Fornaro è supportato nella sua campagna Mini Transat 2017 dal Main sponsor Sideral, brand dell'azienda nutraceutica italiana Pharmanutra Spa, e dagli sponsor tecnici Quantum Pro Laghi, Soluzioni Tessili Rigging, Giocosolutions Srl, PROtect tapes, NutriXant Astaxantina, Nautica Crisanti, Yacht Service (PL), Rosa dei Venti snc e gareggia con il guidone del Circolo della Vela Talamone.

Foto: Simon Jourdan e Oliver Bravo de Laguna